Gualzetti: «Una presenza educativa e coraggiosa»

Gualzetti: «Una presenza educativa e coraggiosa»

«Expo è stato uno degli eventi più importanti del 2015, ed è stato portato a termine grazie al contributo corale di molti protagonisti, tra cui, sicuramente, la Chiesa».

Luciano Gualzetti è stato il vicecommissario del padiglione della Santa Sede e tra i responsabili di quello della Caritas, e si è occupato della presenza della Chiesa all'Esposizione Universale di Milano fin dall'inizio.

«Abbiamo iniziato a riflettere seriamente sul senso e l’opportunità di partecipare nel 2012, e da lì abbiamo iniziato un percorso con un approccio educativo e di riflessione sul tema Nutrire il Pianeta energia della vita. D'altronde sono le regole stesse del Bie a stabilire che le Expò abbiano “come scopo principale l’educazione del pubblico”, – ricorda Gualzetti – che sia un evento laico, che abbia una durata limitata e non sia prorogabile, che i partecipanti presentino ai visitatori, attraverso la costruzione di un padiglione e la proposta di eventi, quello che pensano sul tema, con lo scopo di far vivere un'esperienza di conoscenza. Non era un contesto facile, ma penso che la Chiesa non si sia fatta sfuggire l’occasione di centrare il tema partendo dal suo originale punto di vista, e cioè il Vangelo e la centralità della persona».

«Il nostro è stato un contributo nello stile del confronto e del dialogo – traccia il suo bilancio Gualzetti. – Abbiamo portato all'attenzione dei nostri visitatori tutte le più rilevanti questioni sociali e politiche su pianeta, nutrizione, vita: a partire dalle questioni ambientali e dei cambiamenti climatici fino al “paradosso dell’abbondanza”: c’è cibo per tutti ma non tutti possono sfamarsi. E poi ancora lo scandalo delle diseguaglianze e dello spreco e la necessità di riconoscersi una sola famiglia umana, per la promozione integrale della vita nella relazione con Dio, con gli altri, col mondo».

È stata quindi, secondo Gualzetti, impegnato in questi giorni a tirare le prime somme, «una presenza coraggiosa».

Articoli correlati

Card. Scola: «Expo, un "modello Milano" da applicare anche al Giubileo»

Card. Scola: «Expo, un "modello Milano" da applicare anche al Giubileo»

Expo 2015 è stato «un grande gesto che può ridare il gusto della cittadinanza comune, soprattutto se insistiamo su temi decisivi come la lotta alla povertà, la sconfitta della fame nel mondo, la …

Santa Sede ad Astana 2017 «molto probabile». Il bilancio del card. Ravasi sull'Expo

Santa Sede ad Astana 2017 «molto probabile». Il bilancio del card. Ravasi sull'Expo

«Molto positivo» è il giudizio del cardinale Gianfranco Ravasi sui risultati del padiglione della Santa Sede all'Expo di Milano, di cui è stato commissario. «I visitatori con le loro piccole e …

Due milioni di visitatori. Tutti i numeri della Chiesa in Expo Milano 2015

Due milioni di visitatori. Tutti i numeri della Chiesa in Expo Milano 2015

Superati due milioni di presenze nei padiglioni della Chiesa in Expo Milano 2015: 1,8milioni gli ingressi al Padiglione della Santa Sede e 250mila hanno varcato la soglia dell'Edicola Caritas. Nel …

Video

Guarda il Video foto di Luca Catalano Gonzaga

Ferite del cuore, ferite del pianeta: la parete fotografica

Un'onda di storie, sguardi, volti, accoglie il visitatore del Padiglione della Santa Sede all'Expo Milano 2015 nella prima parete, la parete fotografica. E' l'onda del tempo che passa, l'onda …